L’esperienza sul riciclo dei materiali (Albo Cavatori / WWF Veneto – 2002)

Dato il successo delle “linee guida” e la positiva esperienza del lavoro congiunto, Albo Cavatori ha ritenuto opportuno coltivare la collaborazione con il WWF Veneto sia valorizzando l’esperienza già maturata e le Linee Guida pubblicate, sia approfondendo alcune problematiche, in particolare quelle inerenti il riciclo dei materiali, già affrontate marginalmente ma sicuramente meritevoli di approfondimento.

L’iniziativa è stata promossa anche per dare una dimostrazione concreta della volontà dell’imprenditoria di settore di impegnarsi per la diffusione di pratiche dalla forte e positiva valenza ambientale, affermando, al tempo stesso, la naturale vocazione del comparto estrattivo ad assumere un ruolo assolutamente di primo piano in relazione al riciclo dei materiali, forti della convinzione che il know how e la tecnologia di cui la stessa dispone consenta alla medesima di collocarsi in una posizione privilegiata in un ambito cui viene riconosciuta una grande valenza ambientale e intorno al quale c’è un notevole interesse e una significativa apertura normativa.

Nel 2002 è stato così attivato un ulteriore gruppo di lavoro per sviscerare la normativa di riferimento in materia di riciclo, valutare esperienze concrete, cercare di capire cosa nel nostro paese e nella nostra Regione era di ostacolo alla maggior diffusione di questa utile pratica.

Anche in questo caso le due associazioni hanno lavorato in tandem mettendo in evidenza nel contesto di uno studio pubblicato in collaborazione con la rivista “Ambiente e sicurezza” del Sole 24 ore numerosi fattori che impedivano al riciclo dei materiali di avere una adeguata diffusione. I risultati del lavoro svolto sono stati presentati nel corso di un convegno che si è tenuto nel mese di settembre 2002 con il coinvolgimento dell’Assessorato ai Lavori Pubblici, di studiosi e di esperti di settore.

Articolo scritto da: andrea

Menu